dark_logo_transparent_background.png

I Quintili - Tor Bella Monaca

Il pizzaiolo napoletano Marco Quintili, oltre ad aver guadagnato il 18° posto nella Classifica "Italia 2020", è il vincitore del premio "Pizzeria Novità" dell’anno 2020 per 50 Top Pizza.

Il locale, aperto nel 2017 in un quartiere periferico e popolare di Roma, è ormai conosciuto in tutta la città. La proposta è quella di una pizza napoletana contemporanea, affiancata da antipasti di origine partenopea imperdibili. Prezzi buoni.

"Pizza Casertana"

Questa pizzeria ha attirato la nostra attenzione posizionandosi al diciottesimo posto nella classifica della celebre guida on-line 50 Top Pizza, e vincendo il premio di pizzeria novità del 2020. Il pizzaiolo napoletano Marco Quintili propone una pizza napoletana che si caratterizza per leggerezza e per condimenti ricercati e sfiziosi; tra i quali spicca la "pizza carbonara", così chiamata per la presenza del tuorlo d'uovo disidratato grattugiato. A Roma è ormai molto nota, per cui è uno di quei casi in cui non potevamo tardare nel farle visita.


La sede storica dei Quintili si trova in via San Biagio Platani n. 310, oggi affiancata dalla sede di via Eurialo 7/C in zona Furio Camillo. Una terza sede non poteva poi mancare nella terra di origine, a Napoli, in via Riviera di Chiaia n. 92.


Il locale è aperto tutti i giorni per cena, dalle 19.00 alle 23.00. La prenotazione in questa pizzeria avviene telefonicamente - chiamando il n. 06.2016003 - ed è consigliatissima perché il locale è molto frequentato, soprattutto nel fine settimana. Bisogna anche armarsi di pazienza, perché il telefono è attivo solo dalle 16.30 e risulta molto spesso occupato. Quando siamo riusciti a trovare la linea libera, la pizzeria era quasi al completo ed erano disponibili solo due orari: le 20 o le 22; abbiamo scelto la prima opzione.

Su Tripadvisor I Quintili ha ottenuto il punteggio di 4,5 su 5 con 800 recensioni, così classificandosi al n. 971 di 10.394 ristoranti in Roma (al momento in cui scriviamo: 14/10/2021). Gli utenti hanno apprezzato la proposta di una pizza napoletana eccellente; gli antipasti sfiziosi; la qualità degli ingredienti; l'impasto leggero e digeribile; la varietà della scelta; e il servizio cordiale ed efficiente. Tra le critiche, c'è chi non ha apprezzato la presenza dei turni; chi ha lamentato un servizio frettoloso; un servizio di delivery poco efficiente dal punto di vista dell'attesa; prezzi elevati per la zona; e, infine, chi non ha apprezzato proprio la pizza.

Ma veniamo alla nostra esperienza.


Location


Siamo stati dai Quintili - alla sede storica di Tor Bella Monaca - un venerdì sera per cena, riservando un tavolo con più di qualche giorno di anticipo. Il parcheggio non rappresenta un problema, noi abbiamo trovato facilmente posto nei pressi della pizzeria.


Il locale è semplice e moderno, dalle linee molto essenziali, e si divide tra uno spazio interno ed uno esterno molto grande, con affaccio su strada, che si espande tra i palazzi limitrofi assicurando uno bel distanziamento tra i tavoli.

La posizione esclusivamente residenziale del locale non consente passeggiate; per cui se si vuole proseguire la serata bisogna spostarsi con la macchina.

L'ambiente è informale, mentre l'atmosfera è familiare e chiassosa; talmente rumorosa che se prenotate all'interno, sappiate che si fa fatica a parlare. Per cui, finché la stagione lo consente, vi consigliamo di riservare un tavolo all'esterno.

Questa pizzeria è frequentata da una clientela di tutte le età, e la consigliamo per una cena esclusivamente informale.

Menù


Il menù dei Quintili si divide in antipasti; pizze speciali; pizze classiche e dolci della casa.

Rispetto alla classica pizzeria romana, I Quintili offre antipasti più originali, tipici della tradizione partenopea: frittatine (da 3 euro a 4,50 euro); crocchette (da 2,50 a 3,50 euro); nuvole di pizza fritta (da 4 a 5 euro); pizza fritta (10 euro) o patatine fritte (3 euro).

Tra le 11 pizze classiche non manca la margherita (6 euro); la marinara (5,50 euro); la diavola (8 euro) o la boscaiola (7,50 euro); mentre tra le 18 pizze speciali troverete, per farvi qualche esempio, la amatriciana in fiamme (11 euro), condita con filetti di san marzano dop, cacio, pepe cuvée della Tasmania, mozzarella di bufala, e guanciale di maialino nero lucano allevato allo stato brado; la crocchettina (10 euro), con cornicione ripieno di ricotta e mortadella; al centro mortadella, crocchè di patate, pistacchio e fior di latte dei Monti Lattari; e la deliziosa (11 euro), filetti gialli di pomodorino, schiacciatella, mozzarella di bufala, basilico, lonza e scaglie di parmigiano.

Tra i dolci della casa non potevano mancare la delizia al limone e i bignè con diversi ripieni, tra i quali, la crema al pistacchio.

Da bere potete scegliere tra bibite gassate, birra, anche artigianale, e birra alla spina (L'Ippa, Isaac e Sud, del birrificio Baladin) e una rifornita carta dei vini.


Noi abbiamo ordinato una frittatina (4,50 euro); una nuvola di pizza fritta (5 euro); una crocchetta burro e alici (3,50 euro); una pizza casertana (12 euro) e una pizza napoletana (7 euro). Da bere, due bottigliette di Coca-Cola zero (4 euro) e una birra Ichnusa da 500 ml (4 euro).


La nostra cena è dunque iniziata con gli antipasti, arrivati in tavola dopo solo qualche minuto dall'ordinazione.

Iniziamo dalla crocchetta (3,50 euro), ripiena di burro, alici, pesto di prezzemolo, germogli di barbabietola. Sfiziosa, ben presentata, ben fritta e ben condita.

La frittatina - che in questo locale è imperdibile - contrariamente a quanto si possa pensare, non è fatta con l'uovo, ma con la pasta e la besciamella, e varie farciture. Noi abbiamo assaggiato quella con l'nduja e l'abbiamo trovata squisita (4,50 euro).

Anche la pizza fritta (5 euro), con datterino arancione saltato con i capperi, acciughe del Cantabrico, tarallo sbriciolato e stracciatella di bufala, è stata strepitosa. Ne abbiamo mangiate di buone, ma questa probabilmente le ha battute tutte.

Abbiamo condiviso tutte e tre le nostre scelte, e probabilmente per gustare la pizza con più appetito avremmo dovuto ordinare uno starter in meno, ma non ce ne pentiamo.

In questo locale gli antipasti meritano davvero, per l'originalità, per il gusto intenso e per la realizzazione impeccabile; tant'è vero che non escludiamo di tornare per basare un'intera cena su di loro.

A seguire, le pizze, una classica e l'altra speciale, entrambe ben cotte, come da noi richiesto.

Ebbene sì, alla Napoli (7 euro), qua chiamata la Romana - condita con pomodoro, fior di latte dei Monti Lattari, acciughe e olio evo "Ramarà" Dop Cilento dell'az. agricola Matarazzo - non abbiamo resistito nemmeno stavolta. Ci è piaciuta molto. Abbiamo apprezzato la qualità degli ingredienti, l'ottima digeribilità di un impasto ben lievitato, il cornicione non troppo esagerato e il condimento generoso. Che siamo amanti della pizza romana lo sapete, ma sappiamo apprezzare anche la pizza napoletana, soprattutto quando è fatta così bene.

I nostri complimenti vanno anche alla Casertana (12 euro), condita con provola di Agerola, patate viola e gialle cotte alla brace, salsiccia di maialino nero casertano, pepe cuvée, crema di basilico e papacella napoletana. Molto appetitosa.


Servizio


Il servizio di questo locale è semplice, gioviale e attento. E anche molto veloce.

Il menù è digitale e scansionabile dal telefono e, proprio per agevolare le ordinazioni, in tavola troverete un dispositivo elettronico con cui potete chiamare il personale per ordinare e per chiedere il conto. La nostra cena è iniziata alle 20.30 ed è terminata alle 21.40.


Conto


Veniamo, infine, al conto.

Per una frittatina (4,50 euro); una nuvola di pizza fritta (5 euro); una crocchetta burro e alici (3,50 euro); una pizza casertana (12 euro); una pizza napoletana (7 euro); due bottigliette di Coca-Cola zero (4 euro); una birra Ichnusa da 500 ml (4 euro), abbiamo speso 40 euro in due, e, dunque 20 euro a persona. Il rapporto qualità prezzo è molto buono.

In conclusione, la fama di questo locale è meritata. Nonostante la posizione periferica, la pizza e gli antipasti valgono il viaggio. La consigliamo agli amanti della pizza napoletana, e anche agli amanti della pizza romana bassa che, oltre ad essere deliziati dai suoi antipasti particolari e sfiziosi, avranno l'opportunità di mangiare una pizza davvero buona.


Buon appetito ... e ricordatevi di taggare @ceniamofuori sui social per condividere con noi le vostre esperienze e segnalarci i piatti che avete preferito!


Seguite i nostri profili Facebook e Instagram per essere sempre aggiornati sulle ultime recensioni!

 

I prezzi delle portate o dei menù che indichiamo, i giorni, gli orari di apertura e chiusura dei locali, i numeri telefonici e le classifiche di Tripadvisor possono subire variazioni poiché sono tutti rilevati nel momento in cui scriviamo.