dark_logo_transparent_background.png

Sushisen - Piramide

Cucina giapponese di alto livello, che gioca con i sapori e le tecniche di esecuzione della tradizione, creando un ottimo mix di contrasti tra profumi e sapori orientali.

In cucina si utilizzano materie prime fresche e stagionali, per dar vita non solo a piatti ormai familiari, ma anche nuovi al panorama romano. Ottimo per gustare un sushi di qualità.

"Ebiten Roll"

Chi ci segue sa bene che amiamo molto la cucina orientale e oggi vi segnaliamo un ottimo ristorante giapponese dove poter gustare non solo un sushi di qualità, ma anche molte altre interessanti proposte.


Sushisen si trova in Via Giuseppe Giulietti n. 21/A, nei pressi della fermata metro Piramide, ed è aperto tutti i giorni - tranne il lunedì - a pranzo (dalle 12.30 alle 14.30) e a cena (dalle 19.30 alle 23.00).

Si può riservare un tavolo chiamando il n. 06.5756945 oppure tramite il form di prenotazione del sito del ristorante. Noi vi consigliamo di prenotare con almeno 4/5 giorni di anticipo, dal momento che Sushisen è sempre molto frequentato, anche a pranzo.

L'ingresso agli amici a quattro zampe in questo locale non è consentito.


Su Tripadvisor, Sushisen ha ottenuto il punteggio di 4,5 su 5 con 1968 recensioni, così classificandosi al n. 201 di 10.556 ristoranti in Roma (al momento in cui scriviamo, 23.06.2019). Gli utenti hanno apprezzato la qualità e originalità della cucina; l'ottimo sushi; la presentazione delle portate; il pesce freschissimo; il menù vario; l'ambiente e la piacevole atmosfera e, infine, il servizio preparato e cortese.

Non manca chi si aspettava qualcosa in più e chi ha ritenuto che i prezzi siano poco contenuti, anche in considerazione delle porzioni delle portate.


Ma veniamo alla nostra esperienza. Noi già conoscevamo questo locale e, ai fini di questa recensione, abbiamo prenotato per la cena di un sabato sera, alle 20.30.

Con il parcheggio non abbiamo avuto grosse difficoltà, ma se andate più tardi potrebbe essere più complicato.


Il locale è semplice, ma raffinato, ispirato al classico stile zen; curato e accogliente; con luci soffuse, tende nere di stampo orientale, finestre decorate con fiori di ciliegio in trasparenza, diverse lavorazioni in legno, divisori che ricordano le piante di bambù, pavimento in gres laminato e particolari controsoffitti.

L'ambiente è intimo ed elegante nel suo genere.

Noi ve lo consigliamo per un pranzo o per una cena intima di coppia, tra amici o colleghi.

Sushisen si divide in due sale separate l'una dall'altra da eleganti divisori: una con tavoli per una quarantina di persone, e l'altra con il Kaitenzushi (letteralmente sushi rotante), ovvero il nastro che trasporta, facendoli scorrere, piccoli piatti con singole porzioni di portate che spaziano dal sushi ai roll i dolci.

Ogni piatto ha un colore diverso che corrisponde al suo prezzo, il quale verrà poi conteggiato al momento del conto.

I prezzi dei piatti sul nastro sono esposti direttamente al bancone.

Tanto per togliervi ogni dubbio, la prenotazione è possibile solamente per riservare un tavolo e non anche per il Kaitenzushi. Se volete consumare il vostro pasto al nastro, dovete sedervi dove trovate posto, oppure dovete attendere che si liberi.

Ad ogni modo, sappiate che anche se siete seduti al tavolo, se volete, potete alzarvi e prendere liberamente qualche piatto dal nastro.


Per ordinare a tavola vi verrà invece portato un ipad, dove potrete consultare il menù e selezionare le portate che volete ordinare, aggiungendole al carrello.

L'ordine, però, non va direttamente in cucina: dopo aver selezionato e aggiunto al carrello i vostri piatti dovete avvisare il personale di sala che, dopo aver controllato l'ordine, potrà inviarlo in cucina.

Il menù - consultabile sul sito di Sushisen - è molto vario, offre tantissime proposte:

sushi, sashimi, uramaki, temaki, domburi, ramen, udon, soba, tempura, zuppe, piatti consigliati dallo Chef e molte altre portate a base di carne o pesce.

C'è l'imbarazzo della scelta e si spazia dai piatti più tradizionali ai piatti più ricercati che vantano abbinamenti sofisticati e meno conosciuti.

La carta dei vini è ben rifornita, con etichette nazionali e internazionali, con possibilità di scegliere, oltre il vino al calice (da 7 a 12 euro), anche le bottiglie da 375 ml.

I prezzi dei vini sono medio-alti.


In questa occasione noi abbiamo ordinato: una porzione di Edamame; una porzione di Kampachi; una porzione di Shake; una porzione di Ebiten Roll; una porzione di Shake Kawa Roll e una porzione di Takoyaki.

Da bere, una bottiglia piccola di vino da 375 ml di Vermentino di Gallura Superiore, Piero Mancini, del 2018 e una bottiglia di acqua liscia San Benedetto.


Dopo qualche minuto di attesa, ci hanno servito i due tipi di nigiri: Kampachi con ricciola e Shake con salmone.

Tra le varie tipologie di sushi, il nigiri è quello più semplice, nonché il più conosciuto.

È composto da una polpettina di riso modellata a mano, su cui viene adagiata una fettina di pesce crudo.

Considerata la sua semplicità, il nigiri è generalmente amato da chi cerca il sapore autentico del pesce. E qui da Sushisen, già dal primo assaggio si percepisce la freschezza del pescato utilizzato in cucina. Per una maggiore sapidità, se volete, potete immergere - ma delicatamente - il vostro nigiri nella salsa di soia.

"Kampachi con Ricciola" e "Shake con Salmone"

A seguire, sono arrivati in tavola gli Edamame, l'icona dello street food giapponese che, più o meno, conoscono tutti i frequentatori dei ristoranti giapponesi.

Si tratta dei baccelli di soia naturali, bolliti ed insaporiti con fior di sale.

Che dire, più che un piatto è uno sfizio ... Vanno giù come fossero pop-corn.

Abbiamo reso l'idea?

"Edamame"

Ma veniamo al pezzo forte per cui abbiamo una vera e propria passione: gli uramaki.

Per chi ancora non li conoscesse, gli uramaki sono i rotolini di riso che avvolgono l'alga nori e il pesce (che può essere crudo o cotto), e che sono spesso ricoperti da sesamo o tobiko (uova di pesce volante arancione). Noi li troviamo davvero sfiziosi.

In questa occasione abbiamo scelto gli Shake Kawa Roll (14 euro) e gli Ebiten Roll (14,50 euro). Li abbiamo trovati così buoni che avremmo fatto volentieri il bis di entrambi. Segnateveli e non ve ne pentirete.


Partiamo dagli Shake Kawa Roll (1 porzione, 8 pezzi), farciti con salmone croccante, avocado e tartare di salmone ... Un tris di ingredienti che adoriamo!

Piatto colorato, ben presentato e appetitoso.

Gli Ebiten Roll (1 porzione, 8 pezzi), invece, sono ripieni con gamberoni in tempura, avocado, karaage di gamberi (una tecnica culinaria giapponese che prevede la marinatura e poi la frittura del gambero), salsa ridotta "unadare", polpa di granchio e spezie. Deliziosi.

Come ultima portata, ci imponiamo sempre di provare un piatto nuovo per ampliare le nostre conoscenze e sperimentare nuovi sapori. In questa occasione abbiamo scelto i Tatoyaki.

Si tratta di polpette fritte giapponesi, ripiene di polpo e guarnite con salsa Otafuku, alga aonori tritata, maionese e katsuobushi, ovvero fiocchi di tonnetto striato, essiccato e affumicato. Appetitose e ben presentate. Ci sono piaciute molto, nonostante non siamo grandi amanti del gusto affumicato.

Il servizio di Sushisen è professionale, cortese e mediamente veloce.

Il personale, in divisa, è preparato, gentile e disponibile, anche nella spiegazione del menù.

La nostra cena è iniziata alle 20.50 ed è terminata alle 22.30.


Veniamo, infine, al conto. Per una porzione di Edamame (4,00 euro); una porzione di Kampachi (4,50 euro); una porzione di Shake (4,50 euro); una porzione di Ebiten Roll (8 roll, 14,50 euro); una porzione di Shake Kawa Roll (8 roll, 14,00 euro); una porzione di Takoyaki (6,50 euro); una bottiglia piccola di vino da 375 ml di Vermentino di Gallura Superiore Piero Mancini, del 2018 (12 euro) e una bottiglia di acqua liscia San Benedetto, abbiamo speso 63,00 euro in due, e dunque 31,50 euro a persona.

Se avete in mente i prezzi praticati nei ristoranti giapponesi all you can eat, da Sushisen si spende sicuramente di più, ma considerando la cucina ricercata, la freschezza e la qualità delle materie prime, nonché il locale, l'ambiente e il servizio, riteniamo che il rapporto qualità prezzo sia buono. D'altronde, la garanzia di mangiare dell'ottimo pesce crudo ha il suo prezzo.

Sushisen è l'indirizzo giusto per gustare un sushi di qualità e per trascorrere una piacevole esperienza gastronomica orientale, in un ambiente curato ed elegante nel suo genere.


Buon appetito ... e ricordatevi di taggare @ceniamofuori sui social per condividere con noi le vostre esperienze e segnalarci i piatti che avete preferito!


Seguite i nostri profili Facebook e Instagram per essere sempre aggiornati sulle ultime recensioni!

 

I prezzi delle portate o dei menù che indichiamo, i giorni, gli orari di apertura e chiusura dei locali, i numeri telefonici e le classifiche di Tripadvisor possono subire variazioni poiché sono tutti rilevati nel momento in cui scriviamo.