top of page
dark_logo_transparent_background.png

Moi - Fleming

Una gemma culinaria nel cuore di Roma, Moi incarna l'essenza della cucina contemporanea. I piatti, creativi e di alta qualità, si fondono in un'atmosfera sofisticata che celebra il meglio dell'innovazione gastronomica.

Moi è un ristorante moderno e raffinato, segnalato dalla Guida Michelin, situato nel cuore di Roma, in Via Antonio Serra n.15.

Aperto recentemente, ha già conquistato una clientela affezionata grazie alla sua cucina innovativa e di alta qualità.

Il ristorante è aperto tutti i giorni per cena, tranne la domenica, dalle 19:30 alle 22:30.

Dato il numero limitato di coperti, le prenotazioni sono fortemente consigliate, specialmente nei weekend e durante i giorni festivi. È possibile riservare un tavolo chiamando il numero 06 8760 0399 con qualche giorno di anticipo, oppure tramite The Fork, dove il locale ha ottenuto il punteggio di 9,4 su 10, con 680 recensioni.

Anche su Tripadvisor, il ristorante Moi a Roma ha ottenuto un ottimo consenso, con una valutazione media di 4.5 su 5 basata su 98 recensioni, così posizionandosi al numero 1.337 di 9.041 ristoranti (al momento in cui scriviamo, 23/05/2024).

In particolare, gli utenti hanno lodato la cucina del ristorante, che propone piatti creativi e ben eseguiti, con ingredienti freschi e di alta qualità. Molti recensori hanno evidenziato l'originalità e la precisione nella lavorazione delle materie prime, rendendo ogni piatto un'esperienza unica.

Il servizio è stato descritto come impeccabile e attento, con personale cordiale e professionale, sempre disponibile a consigliare piatti e vini in base ai gusti personali dei clienti. La cortesia e la competenza del team di sala sono stati spesso menzionati come un punto di forza del ristorante.

Le poche lamentele riguardano sostanzialmente i prezzi, considerati da alcuni un po' elevati, sebbene in linea con la qualità offerta. Alcuni utenti hanno anche segnalato tempi di attesa leggermente lunghi durante le serate più affollate e nei fine settimana.


Ma veniamo alla nostra esperienza.


Il locale


Per la nostra cena al Moi, abbiamo riservato un tavolo per due alle 20.30.

Il locale, piccolo e moderno, accoglie i suoi ospiti con dettagli di design industriale che conferiscono un'atmosfera contemporanea e sofisticata.


Con una capacità di circa trenta coperti, il Moi offre un ambiente intimo e accogliente, ideale per una cena rilassante. Alla piccola sala interna si aggiunge uno spazio esterno con qualche tavolo che affaccia sulla strada, esposta al passaggio delle auto.


L'arredamento è curato nei minimi dettagli: la mise en place è elegante e minimal, con sedie contemporanee e tavoli in legno che creano un contrasto piacevole con i muri in mattoncini. Una grande vetrata illumina l'interno con luce naturale, mentre le luci soffuse aggiungono un tocco di calore e intimità all'ambiente.

Consigliamo il Moi per una cena romantica, ma anche per incontri tra amici o professionali. Tuttavia, un miglioramento dell'acustica farebbe una grande differenza, considerato lo spazio limitato e la "vivacità" del locale quando è pieno.

Dati gli spazi ristretti e il tipo di cucina proposta, il Moi è più adatto per adulti e bambini grandi, piuttosto che per famiglie con bambini piccoli.


Menù


Il menù del ristorante Moi è una celebrazione della cucina contemporanea, con un'attenzione particolare alla qualità delle materie prime e alla creatività degli abbinamenti. Ecco alcune delle proposte più interessanti:


  • Porro brasato, patate, rafano e arachidi (€15)

  • Tartare di asinello, robiola e piselli (€16)

  • Melanzane, scalogno, stracciatella e chimichurri (€15)

  • Baccalà pil-pil e peperoni (€18)

  • Animelle e cannellini alla cacciatora (€18)

  • Risotto, asparagi selvatici e grana di pecora (€16)

  • Spaghetti, lupini, aglio nero e coriandolo (€18)

  • Ditalini, broccoletti, salsiccia e dragoncello (€16)

  • Spalla di maiale, carote e cola (€24)

  • Bavetta di manzo, agretti e tahina (€22)

  • Pescato, bergamotto e rucola selvatica (€24)


Il locale propone anche un menù degustazione di sette portate (60 euro a persona bevande escluse), che permette di esplorare una selezione di piatti dall'antipasto al dessert, curati dallo chef con grande attenzione ai dettagli e ai sapori. Per completare l'esperienza gastronomica, è disponibile anche un wine pairing con quattro calici a 30 euro o sei calici a 45 euro.


Come spesso accade, non abbiamo potuto resistere al richiamo irresistibile del menù degustazione, al quale abbiamo abbinato un buon prosecco extra-dry biologico Fidora Tenuta Civranerra (24 euro).


La nostra cena al ristorante Moi è dunque iniziata con un interessante benvenuto dello Chef, che ha subito messo in chiaro l'attenzione al dettaglio e la creatività della cucina.

A seguire, come antipasti, ci sono stati serviti la Tartare di asinello, robiola e piselli (€16), Melanzane, scalogno, stracciatella e chimichurri (€15) e Porro brasato, patate, rafano e arachidi (€15).


La tartare di asinello è stata una rivelazione, un piatto molto originale che non avevamo mai avuto occasione di assaggiare. La carne, tenera e delicata, era perfettamente bilanciata dai piselli e dalla robiola, creando un'armonia di sapori sorprendente.

Il porro brasato con patate, rafano e arachidi si è rivelato un connubio di consistenze e sapori ben equilibrati, con il dolce del porro che si sposava alla perfezione con il croccante delle arachidi e il piccante del rafano.

Le melanzane, accompagnate da scalogno, stracciatella e chimichurri, erano un vero trionfo di sapori. La dolcezza della stracciatella e la leggera acidità del chimichurri esaltavano la delicatezza delle melanzane, rendendo questo antipasto particolarmente appetitoso.

Per i primi, abbiamo assaporato il risotto con asparagi selvatici e grana di pecora e i ditalini con broccoletti, salsiccia, dragoncello e n'duja.

Entrambi i piatti sono caratterizzati da sapori esplosivi.

Il risotto, cremoso e ricco, era perfettamente cotto e gli asparagi selvatici aggiungevano una nota di freschezza e un tocco di amaro che bilanciava il piatto.

I ditalini, con la loro consistenza al dente, erano avvolti da una salsa saporita e intensa, con i broccoletti che apportavano una piacevole croccantezza e la salsiccia un gusto deciso, il tutto esaltato dal dragoncello.

Per secondo, ci hanno servito la bavetta di manzo con agretti e tahina (22 euro).

La carne era cotta alla perfezione, succulenta e tenera, mentre gli agretti e la tahina aggiungevano un contrasto interessante e un tocco esotico al piatto.

A chiudere la cena, il tiramisù, uno dei migliori che abbiamo mangiato ultimamente.

La sua cremosità e il perfetto equilibrio tra dolcezza e caffè liquido al suo interno lo hanno reso un dessert indimenticabile, ideale per concludere una serata di alto livello.


Servizio


Il servizio al ristorante Moi si distingue per la sua attenzione e cordialità.

Il personale, giovane ma al contempo professionale, riesce a creare un'atmosfera accogliente e rilassata.

I tempi di servizio sono discretamente veloci, con ogni portata servita al momento giusto, senza mai farci sentire né affrettati né in attesa. Questa cura nel timing ha contribuito a rendere la nostra esperienza culinaria ancora più piacevole.

La nostra cena si è conclusa alle 23.30, perfettamente orchestrata nei tempi e nelle portate.

L'unica nota stonata, se così si può dire, è stata l'acustica del locale. Quando il ristorante si è riempito, il rumore di fondo è diventato piuttosto intenso, rendendo difficile la conversazione. Questa caratteristica potrebbe non essere apprezzata da tutti, soprattutto considerato il livello del ristorante. Tuttavia, per alcuni, questo ambiente vivace potrebbe risultare più accogliente e familiare.

Ad ogni modo, il servizio al Moi è ottimo, con un personale che riesce a bilanciare cordialità e professionalità in modo impeccabile, contribuendo a una serata molto piacevole.


Conto


Veniamo, infine, al conto.


Per due menù degustazione (60 euro a persona, bevande escluse), una bottiglia di acqua (3 euro), servizio pane (2 euro a persona), e una bottiglia di prosecco extra-dry biologico Fidora Tenuta Civranerra (24 euro), abbiamo speso 151 euro, e, dunque, 75,50 a persona.


Considerando i rincari generali dell'ultimo periodo, il prezzo risulta in linea con gli standard attuali. Anzi, il menù degustazione a 60 euro per persona è da considerarsi particolarmente conveniente, offrendo un rapporto qualità-prezzo più che soddisfacente.

Il prezzo complessivo riflette una serata di alta qualità sia nel servizio che nelle pietanze.

Considerando ciò che abbiamo ordinato, riteniamo che il rapporto qualità prezzo sia molto buono.


Seguite i nostri profili Facebook e Instagram per essere sempre aggiornati sulle ultime recensioni!

 

I prezzi delle portate o dei menù che indichiamo, i giorni, gli orari di apertura e chiusura dei locali, i numeri telefonici e le classifiche di Tripadvisor possono subire variazioni poiché sono tutti rilevati nel momento in cui scriviamo.

Commentaires


bottom of page